Home


Numero 19 del 20 giugno 2016 Stampa

Editoriale

Conflitti di interesse: bene parlarne ma senza demagogie

logoAbbiamo letto l'articolo sul BMJ-open al quale hanno collaborato anche i nostri specializzandi e il recente articolo su "La Repubblica". Mi è sembrato molto positivo il fatto che sia dato rilievo ad un'ottima iniziativa scientifica; non sono invece d'accordo sull'equilibrio dell'articolo, che mi sembra voglia fare del sensazionalismo, dando corpo a preoccupazioni già espresse da alcuni colleghi. E' banale, fuorviante e in buona sostanza demagogico, ridurre il problema al sostegno dei congressi. Fermo restando che la sobrietà (che non va confusa con la frugalità) deve essere un impegno, cerchiamo di mettere in evidenza aspetti positivi del supporto degli sponsor, tra cui garantire la massima accessibilità ad eventi scientifici formativi e di aggiornamento e mantenere lo quote di iscrizione a livelli sostenibili. La professione medica è un’attività con imprescindibili e rilevanti aspetti economici (tutti noi viviamo del nostro lavoro in forza di un corrispettivo economico che ci viene garantito da vari soggetti e a vario titolo che quasi mai coincide con i beneficiari della nostra attività), e il potenziale conflitto esiste ed è fortissimo, anche quando siamo pagati direttamente dai pazienti. Fronteggiare il conflitto di interessi è parte integrante e sostanziale del saper fare e soprattutto saper essere medico. Siamo infatti una professione libera e autonoma che si dota di un codice deontologico la cui violazione comporta anche sanzioni disciplinari.
Avere rapporti, anche economici, con l'industria é assolutamente necessario  per i singoli professionisti e le società scientifiche. La ricerca effettuata è preziosa proprio perché evidenzia carenze e ritardi nel dotarsi di strumenti espliciti, condivisi e trasparenti per governare questi rapporti. Ed è molto positivo per la SItI che si sia avvertita l'esigenza di esplorare questo ambito, in termini  scientifici obiettivi e rigorosi.  Bisogna però evitare di banalizzare il problema e offrire il fianco ad attacchi strumentali e demagogici.
Credo invece che la questione debba essere volta in positivo valorizzando quanto una società scientifica forte, autorevole, indipendente e trasparente possa essere un importante supporto per i propri iscritti per fronteggiare adeguatamente la pressione dell'industria.

Enrico Di Rosa

Consulta Professioni sanitarie

A Lucca Assemblea con focus sull'emergenza migranti

logoEvento ricco di validi contributi scientifici, grazie alla presentazione di dati e di esperienze professionali da parte di operatori di diversa formazione (assistenti sanitari, tecnici della prevenzione, ostetriche) e di diversa provenienza regionale. Questo è il risultato della II edizione della Giornata delle Professioni Sanitarie (nella foto il Coordinatore Anna Fabbro), che si è tenuta a Capannori (LU) lo scorso 11 giugno, organizzata dalla Consulta delle Professioni Sanitarie della SItI e introdotta dal Vicepresidente della SItI Fausto Francia. Per questa giornata la Consulta ha deciso di porre l'attenzione su un argomento attuale e di forte impatto sulla sanità pubblica, la gestione dell'emergenza migranti e degli stranieri che lavorano e vivono in Italia, e che vede coinvolte in prima linea, ciascuna nei propri ambiti di competenza, le professioni sanitarie. Diverse sono state le relazioni che hanno toccato aspetti sanitari e tecnici sul tema e dalle quali sono emerse criticità organizzative nella gestione del fenomeno migratorio da cui trarre spunti di riflessione sull'appropriatezza delle procedure sanitarie che si stanno adottando nelle diverse regioni. Il fenomeno migratorio sarà sempre più strutturale nei prossimi anni e la Sanità Pubblica, in particolare i Dipartimenti di Prevenzione, dovranno proporre approcci di sanità pubblica innovativi, con procedure standardizzate soprattutto su particolari interventi sanitari (es. Mantoux, vaccinazioni) per la salvaguardia e la tutela della salute pubblica.

Comunicazione vaccinale

Il grande "influencer" vaccinale al convegno degli igienisti

logoDue anni fa i social network dedicati alle politiche vaccinali erano dominati dai gruppi degli antivaccinatori e da chi, pur dichiarandosi favorevole alle politiche vaccinali, di fatto forniva (e fornisce anche oggi) elementi in grado di far calare le coperture e alimentare con argomenti quasi mai supportati dalla scienza la vaccine hesitancy. Ad una decisa inversione di tendenza ha contribuito in modo decisivo l'iniziativa SItI di VaccinarSì (oggi 3° per contatti) ma anche l'irruzione sul web di un "influencer" quale è risultato essere Roberto Burioni, Ordinario di microbiologia all'Università Vita-Salute San Raffaele e protagonista qualche settimana fa della discussa puntata di RAI 2 Virus dedicata alle vaccinazioni. E proprio Burioni è stato invitato da Carocci Editore, SItI, SIP e FIMP ad aprire i lavori del primo convegno "Work for progress in pediatric immunization" tenutosi il 18 giugno all'Ospedale San Raffaele di Milano logo(tra gli altri relatori e moderatori Signorelli, Chiamenti, Auxilia, Conforti, Gabutti, Odone e l'influencer emergente in casa SITI, l'operatore marchigiano Daniel Fiacchini, recente promotore di TeamVax). Gli altri appuntamenti del Work for Progress che completeranno la presentazione del lavoro congiunto SItI-SIP-FIMP saranno a Firenze (10 settembre), Brindisi (22 ottobre) e Roma (23 novembre).

Pediatri di Famiglia

Chiamenti confermato Presidente della FIMP

logoIl Consiglio Nazionale della Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP) tenutosi a Roma nei giorni scorsi ha confermato Giampiero Chiamenti Presidente della FIMP fino al 2018 con il 93% dei voti favorevoli. Il primo obiettivo sarà il rinnovo della convenzione nazionale per "evitare una radicale trasformazione di ruolo e di funzioni della pediatria di famiglia”. Al collega Chiamenti, con il quale la SItI collabora da diversi anni, le più vive congratulazioni e gli auguri di buon lavoro.

Igiene degli alimenti

Nutrizione, mission dei SIAN. Ma nell'elenco del Ministero la SItI non c'è

logoIl collega Michele Panunzio, assieme un gruppo di altri autorevoli esperti, ha recentemente pubblicato sugli Annali di Igiene una "Lettera all'Editore" che sottolinea il ruolo insostituibile del Servizio di Igiene degli Alimenti e della Nutrizione (SIAN) nell'ambito dei Dipartimenti di prevenzione. La nostra Società scientifica è impegnata su diversi fronti in questo ambito anche se abbiamo notato con disappunto di non essere stati inclusi tra le circa 30 istituzioni e società scientifiche che collaborano col Ministero alla “Rilevazione dei consumi alimentari nazionali con metodiche armonizzate secondo le linee guida EFSA". A riguardo il Presidente ha inviato una richiesta circostanziata di inserimento della SItI ai competenti uffici ministeriali.

Delegati SItI

Pasquarella (AMR) e Zanetti (epatite) rappresenteranno la SItI in due commissioni ministeriali

logologoContinua su più fronti la collaborazione delle società scientifiche e della SItI in particolare all'elaborazione di documenti, piani e linee guida ministeriali. Le ultime due richieste del Ministero della Salute hanno riguardato il Gruppo di lavoro sull'antimicrobico-resistenza e predisposizione del Piano Nazionale di contrasto all'antimicrobico-resistenza (per il quale la Giunta ha identificato il Coordinatore del Gruppo GISIO Cesira Pasquarella) e quello per la redazione del Piano Nazionale Prevenzione Epatiti Virali da virus B e C (PNEV) dove è stato designato Alessandro Zanetti, già componente del Gruppo di lavoro che ha redatto a suo tempo le linee guida.

49° Congresso Nazionale SItI

Ecco il programma preliminare. Abstract entro il 9 settembre

logoIl 49° Congresso Nazionale SItI si svolgerà dal 16 al 19 Novembre 2016 presso la sede della Stazione Marittima di Napoli. Nell'ambito del Congresso - intitolato "La Sanità pubblica guarda al futuro: gli assetti istituzionali e la ricerca al servizio della salute" - è stato recentemente approvato il planning generale congressuale e l'elenco delle sessioni "top-down" e "bottom-up", queste ultime vagliate dal Comitato scientifico e sottoposte a un sondaggio tra i soci. La scadenza per l’invio degli abstract è prevista per il 9 settembre 2016. Tutte le informazioni e le iscrizioni sono disponibili sul sito internet dedicato www.siti2016.eu.

Gruppi di lavoro PHC

Un corso per le ASP della Regione Calabria

logoPresso l'ASP di Catanzaro verrà organizzato un "Percorso di formazione, approfondimento e confronto per medici e professionisti di sanità pubblica con funzioni di coordinamento dell’Assistenza Primaria", promosso dal Gruppo di Lavoro SItI Primary Health Care (PHC) in collaborazione con APRIRE network. Il percorso è finalizzato a contribuire, anche attraverso l’apporto collaborativo dei partecipanti, alla definizione del profilo professionale e allo sviluppo di strumenti di lavoro del Medico e dell'Operatore di Sanità Pubblica con compiti di coordinamento delle cure primarie e dei servizi sanitari territoriali. L’iniziativa, rivolta a medici e operatori impegnati nelle Direzioni Sanitarie delle ASL, dei Dipartimenti Cure Primarie e dei Distretti Socio-Sanitari, si svilupperà con una articolazione su sei incontri. Il corso verrà coordinato da Fulvio Lonati e Francesco Talarico, componenti del gruppo di lavoro sulla PHC, diretto dal coordinatore del Gruppo SItI Carmelo Scarcella, ed ha come referente interno all’Azienda Sanitaria Provinciale la dott.ssa Carmelina Fittante responsabile della formazione dell'Azienda (che può essere contattata per eventuali informazioni: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ).

Iscrizioni SItI 2016

Già 1693 iscritti (+5% rispetto al 2015). Spediti i MAV postali

logoLa campagna iscrizioni alla SItI per l'anno 2016 è in corso ed ha raggiunto la rilevante quota di 1693 soci, distribuiti ancora in modo eterogeneo con la Sezione Abruzzo-Molise sempre in testa alla graduatoria con 548 soci seguita da Apulo-Lucana (176) e Campania (135).
Per tutti gli altri soci che non hanno ancora rinnovato la quota sono in consegna i MAV cartacei che potranno essere pagati presso gli sportelli bancari o tramite internet banking abilitati.
Le quote associative sono rimaste invariate: 60,00 euro quella ordinaria; 40,00 euro per i Soci juniores (nati dopo il 1° gennaio 1980), Specializzandi e per tutte le Professioni Sanitarie. Diversi sono gli eventi congressuali regionali e nazionali in programma, oltre ai corsi a distanza (FAD), ai quali i Soci potranno accedere gratuitamente o con agevolazioni. L'anno 2016 sarà caratterizzato dal 49° Congresso Nazionale della SItI che si svolgerà a Napoli dal 16 al 19 novembre.
Resterà attiva la possibilità di rinnovare la quota online tramite bonifico bancario collegandosi alla pagina iscrizioni del sito istituzionale.

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 7 di 10