Home Giugno 2019
Giugno 2019
Numero 17 del 17 giugno 2019 | Stampa |


Editoriale

Ma è davvero così a pezzi il nostro SSN?

logoIl nuovo Rapporto GIMBE è un interessante contenitore di dati che spesso sfuggono all'attenzione ma che determinano gli equilibri del sistema: ci riferiamo in particolare alle spese private, alle deduzioni per spese mediche e ai benefici fiscali per i fondi integrativi. Anche se a nostro avviso è ingeneroso definire la sanità pubblica a pezzi, la situazione merita grande attenzione. Il Ministro Grillo raccoglie peraltro l'assist e lamenta più risorse per il sistema.
Ma è davvero così tragica la situazione e ineluttabile il sopravvento della privatizzazione come evocato? Che ci siano problemi è sotto gli occhi di tutti ma gli indicatori di performance recentemente pubblicati da AGENAS, i paragoni internazionali, i report sul raggiungimento degli obiettivi dei LEA, le eccellenze nel sistema pubblico dipingono un quadro più ottimistico, che lascia intravedere una via di uscita. Il GIMBE ribadisce le 4 ricette (recupero di risorse da sprechi e inefficienze (36 miliardi); maggiore concorso del finanziamento pubblico; ridefinizione (al ribasso) dei Lea e riduzione delle agevolazioni fiscali per sanità privata). Ma noi ci associamo alle considerazioni di Cesare Fassari che, in un editoriale su Quotidiano Sanità, puntualizza come i rischi non siano solo del SSN ma siano riferiti all'economia del nostro Paese e che i rimedi possano nascere solo da scelte politiche. Quello che è certo è che l'immobilismo è deleterio e i correttivi sono indilazionabili con un disegno politico di lungo respiro che, purtroppo, non sembra emergere dalle dichiarazioni di questi giorni.

Carlo Signorelli


Attualità

Per GIMBE il SSN è in lento declino con segnali di privatizzazione

logoE' poco ottimista il quadro del SSN che il GIMBE ha tracciato nella presentazione del suo rapporto annuale: “La spesa pubblica allineata ai paesi dell’Europa orientale, troppi livelli essenziali di assistenza garantiti solo sulla carta, sprechi, inefficienze e chiari segnali di privatizzazione dovuti all’espansione del secondo pilastro”.
"Davanti al lento e progressivo sgretolamento della più grande opera pubblica mai costruita in Italia – ha affermato il Presidente del GIMBE Nino Cartabellotta – negli ultimi dieci anni nessun Esecutivo ha mai avuto il coraggio di mettere la sanità pubblica al centro dell’agenda politica, ignorando che la perdita di un servizio sanitario pubblico, equo e universalistico, oltre a compromettere la salute delle persone e a ledere un diritto fondamentale tutelato dalla Costituzione, porterà ad un disastro sociale ed economico senza precedenti".


Università

Professori Ordinari di Igiene, dopo anni di calo il saldo è positivo (+2)

logologoSei nuovi professori Ordinari di Igiene (SSD MED/42) in servizio rispetto ad un anno fa (auguri di buon lavoro!) che sono: Filippo Ansaldi (Genova, nella foto in alto a sinistra), Aida Bianco (Catanzaro, nella foto in alto a destra), M. Antonella De Donno (Lecce, nella foto al centro a sinistra), Cinzia Germinario (Bari, nella foto al centro a destra), Tommaso Staniscia (Chieti, nella foto in basso a sinistra) e Marco Vinceti logologo (Modena e Reggio Emilia, nella foto in basso a destra), cui si aggiungeranno a breve Margherita Ferrante (Catania) ed Annalaura Carducci (Pisa); quattro le uscite (Tiberti, Cesana, Mura e G. Romano) che portano il totale attuale a 85. Dopo il calo del periodo 2008-2016 (da 121 a 77, -36%) l'emorragia sembra arrestata con un totale che si assesta a 84-85 da ormai tre anni. L'età media logologo è sempre elevata (60,9 anni), le donne sono il 35% e sono solo quattro i professori ordinari under-50 (Bianco, Boccia, Capolongo e Manzoli). In rialzo gli indicatori bibliometrici con mediane dei PO a 117,5 per numero di lavori indicizzati, 22,5 per l'h-index e 1635 per il numero di citazioni totali. Il settore disciplinare rimane tra i primi dieci più numerosi di Medicina ed include anche 87 professori associati e 93 ricercatori (di cui 17 di tipo A e 19 di tipo B).


Medici in formazione

Specializzandi: ecco il compromesso all'italiana. A fine mese i posti

logoNello scorso numero di Igienisti on-line avevamo illustrato la complicata situazione degli specialisti mancanti sul quale il Ministro Giulia Grillo è intervenuto pubblicamente con un video messaggio che ribadiva la necessità del provvedimento. E' di pochi giorni fa la notizia che sul controverso emendamento si sarebbe raggiunto un accordo che suona come un compromesso tra Governo, Università e SSN. Gli specializzandi potranno essere assunti dalle strutture del SSN all'ultimo anno solo se nella rete formativa e previo autorizzazione da parte del Consiglio della Scuola. Tamponata la situazione contingente (salvo non improbabili strascichi legali) non ci resta che attendere gli esiti degli accreditamenti delle Scuole, il numero degli iscrivibili e i contratti per il prossimo anno. Seppur con ritardo, speriamo che anche questa vicenda si chiuda favorevolmente, anche e soprattutto per le Scuole di Igiene e Medicina preventiva i cui contratti dovrebbero auspicabilmente tenere conto della più elevata età media degli operatori igienisti in servizio. I tempi stimati per gli attesi documenti ministeriali: entro il 2 luglio, giorno dell'esame di ammissione nazionale.


Gruppi di lavoro

Ecco i coordinatori e componenti di otto Gruppi

logoLa Giunta SItI ha nominato i componenti di nove Gruppi di lavoro (vedi allegato): “Alimenti e nutrizione” - Coordinatore: Emilia Guberti (BO); “Comunicazione per la Sanità Pubblica” - Coordinatore: Daniel Fiacchini (AN); “Health Promotion” - Coordinatore: Giuseppe Masanotti (PG); “Prevenzione e gestione delle emergenze” - Coordinatore: Leila Fabiani (AQ); “Health Technology Assessment” - Coordinatore: Chiara De Waure (PG); “Leadership in Sanità Pubblica” - Coordinatore: Carlo Favaretti (RM); “Risk Management” - Coordinatore: Gaetano Privitera (PI); “Vaccini e politiche vaccinali” - Coordinatore: Giancarlo Icardi (GE). I componenti degli altri Gruppi verranno comunicati sui prossimi numeri.


Crediti ECM

Alcune proposte formative per i soci SItI (60 crediti ECM)

logoSono per il momento tre i corsi accreditati e offerti ai nostri soci per un totale di 60 crediti ECM. I titoli sono:
1) POLITICHE DI PREVENZIONE IN ITALIA: PIANO NAZIONALE DI PREVENZIONE E PIANO NAZIONALE DI PREVENZIONE VACCINALE;
2) L’IGIENE E LA SICUREZZA SUL LAVORO E PROMOZIONE DELLE ATTIVITA' MOTORIE;
3) POLITICHE AMBIENTALI PER LA TUTELA DELLA SALUTE
e rappresentano un aggiornamento del materiale didattico raccolto in occasione del 51° Congresso Nazionale SItI di Torino del 2017.
In questo allegato tutte le informazioni utili. I corsi sono gratuiti per i soci SItI 2019 tramite inserimento del codice d’accesso da richiedere alla segreteria MV Congressi Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .


Specializzandi

A Vienna il prossimo Summer Meeting di EuroNet MRPH

logoCresce la famiglia EuroNet MRPH e continuano gli impegni europei per gli specializzandi, con il prossimo Summer Meeting di EuroNet MRPH che farà tappa al Center for Public Health di Vienna, dal 25 al 27 luglio prossimi.
L’Austria è da poco entrata a far parte della rete europea dei medici in formazione in sanità pubblica e l’appuntamento di luglio si candida a confermare l’importanza del confronto internazionale per i futuri professionisti del settore.
Saranno tre giorni ricchi di attività, incentrati soprattutto su questioni di tutela della salute delle vulnerable communities, tema di grande attualità e considerevole importanza in chiave europea. Per info e registrazioni è possibile visitare http://euronetmrph.org/viennasummermeeting/. C’è tempo fino al 23 giugno.


Professioni sanitarie

L'acqua al centro della Giornata 2019 delle professioni sanitarie

logoSi terra a Matera il 13 Settembre la V GIORNATA DELLE PROFESSIONI SANITARIE 2019.Il tema che verrà trattato L’acqua: sicurezza e qualità un binomio indissolubile; l’acqua, bene di valore inestimabile perché fonte di vita e sempre più al centro di un ampio dibattito che inevitabilmente investe molti stakeholder e tra questi inevitabilmente anche i consumatori. Saranno trattati argomenti quali i riferimenti legislativi, i problemi e le soluzioni, con un focus emergente sul tema legionella, igiene dell’impianto idrico, sistemi innovativi relativi al Trattamento Acqua ed educazione alla salute nelle scuole, nonché utilizzo sicuro dell’acqua per chi viaggia nei paesi tropicali.


Attualità

Consulta: “Sì a LR per accesso ai reparti solo a operatori vaccinati”

logoSentenza favorevole dalla Corte costituzionale alle Legge della Regione Puglia del 2018 dal titolo "Disposizioni per l’esecuzione degli obblighi di vaccinazione degli operatori sanitari". Lo scorso agosto il Governo aveva presentato ricorso per l’intero impianto normativo e con riguardo agli artt. 1, commi 1 e 2; 4 e 5. Bocciata invece la misura con cui in particolari condizioni epidemiologiche o ambientali, le direzioni sanitarie ospedaliere o territoriali, sentito il medico competente, potevano valutare l’opportunità di prescrivere vaccinazioni normalmente non raccomandate per la generalità degli operatori


Twitter

Ricciardi su Burioni, i calendari vaccinali europei e altre news

logologoIl primo tweet che segnaliamo è di Walter Ricciardi: piaccia o no Roberto Burioni ha cambiato la comunicazione sulle vaccinazioni, ha aggregato una “squadra” di persone razionali, ha utilizzato per fini nobili e scientifici i social media, le persone per bene dovrebbero essergli grate. Segnaliamo anche i calendari vaccinali Europei logoproposti da ECDC. "Laureato a Bari anestesista a Parigi" è il titolo emblematico del Corriere della Sera sulla fuga all'estero dei laureati in medicina mentre QS dà enfasi al provvedimento del Sindaco di New York sulla riduzione delle esenzioni vaccinali. Infine un tweet dell’Accademia Lombarda di Sanità Pubblica sulle recenti attività della Young Academy.


Breaking news

On line le valutazioni dei lavori inviati per la Conferenza EUPHA-EPH

logoSono da oggi on line i risultati dei referee per gli abstract inviati per la 12th European Public Health Conference che si svolgerà a Marsiglia dal 20 al 23 novembre 2019 che ha battuto ogni record di richieste. Il tasso di rifiuto è stato superiore al 40% per i workshop e del 16,5% per gli abstract con richieste di comunicazioni brevi, pitch e poster.


Campagna iscrizioni

Siamo a 1137 tesserati nel 2019. I soci riceveranno il MAV a casa

logoLa campagna iscrizioni alla SItI per l’anno 2019 prosegue! Le quote associative sono rimaste invariate: 60,00 euro quella ordinaria; 40,00 euro per i Soci juniores (nati dopo il 1° gennaio 1983), Specializzandi e per tutte le Professioni Sanitarie. Diversi sono gli eventi congressuali regionali e nazionali in programma, oltre ai corsi a distanza (FAD) di cui daremo notizia nei prossimi numeri con le facilitazioni per i soci in regola con la quota associativa. L'anno 2019 sarà caratterizzato dal 52° Congresso Nazionale della SItI che si svolgerà a Perugia dal 16 al 19 ottobre. E' disponibile l'iscrizione on-line sul nostro sito istituzionale sia per i nuovi soci che per i rinnovi. I Soci già iscritti riceveranno nei prossimi giorni per posta anche un bollettino MAV bancario, altra modalità con cui sarà possibile rinnovare la quota.

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 Succ. > Fine >>

Pagina 2 di 3