Home 2015 Ottobre 2015 Numero 48 del 25 ottobre 2015
Numero 48 del 25 ottobre 2015 Stampa

Editoriale

Rilanciamo il ruolo dell'igienista in ospedale

logo Cogliamo l'occasione della nomina di un docente di Igiene a Direttore sanitario del Policlinico Umberto I di Roma e dell'inserimento di un emendamento nel provvedimento sulla responsabilità professionale, in fase di discussione alla Camera, per sottolineare come il medico specialista in Igiene e medicina preveniva abbia tutti i requisiti per rivestire un ruolo di primaria importanza nella gestione delle strutture ospedaliere e territoriali. L'igienista è l'unico medico specialista che abbina competenze approfondite di epidemiologia, igiene ospedaliera e organizzazione sanitaria che gli consentono di essere protagonista del nuovo corso della sanità pubblica italiana focalizzata su maggiore efficienza, appropriatezza e maggiore interazione tra ospedali, territorio, medicina di famiglia e dipartimenti di prevenzione.

Carlo Signorelli

Breaking news

Vaccinazioni: audizione alla Camera del Presidente SItI

logoNell'ambito della discussione in corso presso la XII Commissione (Affari sociali) della Camera sulla risoluzione della deputata D’Incecco n. 7-00792: “Iniziative in materia di vaccinazioni” è emersa la necessità di raccogliere pareri qualificati attraverso alcuni audizioni, per una delle quali è stato invitato il Presidente della SItI Carlo Signorelli. L’audizione è programmata per lunedì 26 ottobre alle ore 14.30 presso la Sala del Mappamondo.

Nomine

Romano nuovo Direttore sanitario del Policlinico di Roma

logoLa SItI saluta con piacere la nomina del professor Ferdinando Romano (nella foto) a Direttore sanitario del Policlinico universitario Umberto I di Roma. Romano è professore ordinario di igiene all'Università La Sapienza di Roma e fino a qualche mese fa ha rivestito l'incarico di Direttore generale della sanità in Regione Campania. Complimenti e auguri di buon lavoro.

Responsabilità professionale

Un comma valorizza le competenze degli igienisti

logoNell'ambito del progetto di legge in materia di "responsabilità professionale del personale sanitario e riduzione del relativo contenzioso", attualmente in discussione alla Camera, è stato inserito un emendamento degli Onorevoli Calabrò, Carnevali e Fucci che prevede che "l'attività di gestione del rischio sanitario è coordinata da personale medico dotato della specializzazione in Igiene, epidemiologia e sanità pubblica o equipollenti ovvero con comprovata esperienza almeno triennale nel settore." Non sappiamo se questa versione (peraltro con la dizione non corretta della nostra Scuola di specializzazione) verrà mantenuta anche nei successivi passaggi parlamentari: tuttavia annotiamo con soddisfazione che vi sia in Parlamento un riconoscimento della professionalità dei nostri specialisti. Il tema della responsabilità professionale è stato oggetto del saluto (disponibile in formato HTML5 o in FLV) del relatore Federico Gelli (responsabile nazionale del PD) al 48° Congresso Nazionale della SItI.

Stati generali della sanità

Di Rosa: medici spremuti e organici carenti

logo Riportiamo una interessante dichiarazione di Enrico Di Rosa, membro della Giunta SItI e rappresentante SIMET e FASSID intervenuto ai recenti Stati Generali della sanità organizzati da FNOMCEO. “Sotto la stretta dell’emergenza economica la gestione federale dei 21 SSR ha mostrato tutti i suoi limiti e insufficienze, aggravando la geopardizzazione del sistema e divaricando spaventosamente la qualità e la quantità dei servizi erogati. Le esigenze di trasparenza e di partecipazione che ispirarono la riforma del titolo V della costituzione sono state tradite e abbiamo solo moltiplicato il centralismo burocratico ottuso e arrogante. C'è bisogno di agire prontamente, abbiamo bisogno di politiche di gestione delle risorse umane e di recupero degli organici. Ma mi sembra che a fronte di queste esigenze la risposte siano inadeguate e distorte. L’esempio delle caduta delle coperture vaccinali è eloquente. Pochi tuttavia hanno fatto riferimento all’impoverimento degli organici e dei servizi vaccinali delle ASL. Non si può continuare a spremere lo stesso limone, abbiamo già dato, e siamo stati spremuti oltre il limite della decenza".

48° Congresso Nazionale SItI

Dieta mediterranea e salute: una sintesi congressuale

logoIn occasione del Congresso di Milano è emerso come la promozione del modello alimentare mediterraneo sia importante per prevenire le principali patologie croniche. Sull’argomento è intervenuta, con una lettura magistrale, Lynette Ferguson (nella foto) del Cancer Society Research Centre di Auckland. Sulla longevità e la qualità di vita degli anziani, secondo il Global Burden of Disease 2013 un comportamento alimentare contrario ai principi della dieta mediterranea determina il 20% dei Dalys complessivi nel sesso maschile e il 17% in quello femminile come ricordato da Guglielmo Bonaccorsi in occasione del Workshop dedicato alla dieta Mediterranea. Negli ultimi decenni si è registrato, nella popolazione italiana, un allontanamento dal modello alimentare mediterraneo pertanto i SIAN sono impegnati a promuovere e far riscoprire il modello alimentare mediterraneo per la promozione della salute a partire dall’alimentazione dei bambini. Il Progetto Interregionale CCM “Okkio alla Ristorazione”, ha creato una rete operativa fra SSN e gestori della ristorazione collettiva per promuovere il miglioramento dell’offerta nutrizionale in mensa e la promozione della dieta mediterranea, dunque pasti sicuri sotto il profilo igienico e nutrizionale per le migliaia di cittadini che mangiano quotidianamente fuori casa.
In piena sintonia con l'obiettivo di invogliare i gestori di mense all'adozione della dieta mediterranea è il volume “Ricette d’Italia tra gusto e salute” edito dal Gruppo alimenti e nutrizione della nostra Società, distribuito nel 2013 al Congresso di Taormina (e tuttora scaricabile in PDF alla voce Pubblicazioni del sito della Società) e, al Congresso di Milano, comparso in un’elegante traduzione inglese.

48° Congresso Nazionale SItI

Valutazioni e rassegne stampa dei Congressi di Milano

logologoEUPHA ha inviato a tutti i partecipanti una breve sintesi della VIII European Public Health Conference (EPHC) contenente i comunicati stampa, i ringraziamenti e un questionario di valutazione che invitano tutti i partecipanti a compilare. Anche l'Ufficio Stampa della SItI (Fare Comunicazione) ha predisposto la rassegna stampa completa del 48° Congresso Nazionale SItI.

Pubblicazioni

On-line l'Annuario SItI e gli atti su Epidemiologia & Prevenzione

logologo Nell’ottica di elevare il livello scientifico delle ricerche nel settore dell'igiene e della sanità pubblica, anche per il 48° Congresso Nazionale SItI gli autori dei contributi più significativi hanno avuto la possibilità di pubblicare i lavori sulla rivista Epidemiologia & Prevenzione, in un supplemento speciale distribuito al Congresso e "open access". Tra i 26 lavori pubblicati segnaliamo quello di SItI e Ministero sulle coperture vaccinali, sul portale vaccinarSi e interessanti contributi su temi attuali: linee guida nutrizionali, stato di salute degli immigrati, epidemiologia molecolare.
Sempre al Congresso di Milano è stata distribuita la nuova edizione dell'Annuario della Società Italiana di Igiene che raccoglie informazioni, norme ed elenchi utili che riguardano la vita societaria e la comunità igienistica nazionale. E' disponibile in PDF sul sito internet. Eventuali copie stampate possono essere Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .

Soci SItI

Ultime settimane per rinnovare la quota associativa 2015

logoIGIENISTI ON-LINE da questo numero verrà inviato solo ai soci in regola con la quota associativa dell'anno 2015. Nel frattempo gli iscritti sono saliti a 2819. Per coloro che vogliono rinnovare o sottoscrivere l’adesione per il 2015 si può sempre cliccare al link www.societaitalianaigiene.org/site/new/index.php/menu/iscrizione, dove è possibile scaricare il modulo che permette di pagare direttamente tramite il servizio di internet banking. Le quote associative sono rimaste invariate per il 2015 (60 euro per i soci ordinari e 40 euro per specializzandi, professioni sanitarie e under-35).