Home 2013 Novembre 2013 Numero 30 del 18 novembre 2013
Numero 30 del 18 novembre 2013 Stampa

Da Bruxelles nuovo slancio alla Sanità Pubblica

Oltre 1400 partecipanti da cinque continenti, il Commissario Europeo Borg, il Direttore dell'OMS Europa Jakab, tre ministri della salute (Belgio, Ungheria, Slovenia) ed un sottosegretario di Stato (Regno Unito), relatori di livello mondiale e una delegazione italiana di oltre cento persone per presentare 81 lavori prodotti nel nostro Paese. Sono alcuni dei numeri della European Public Health Conference, organizzata da EUPHA e ASPHER, che si è svolta a Bruxelles dal 13 al 16 novembre e che fa segnare un nuovo slancio alla Sanità Pubblica. Si è parlato di ricerca, ma anche di pratica, di formazione e di politica. Sono stati toccati tutti i temi cruciali per la salute degli europei e sono stati forniti spunti di riflessione, ma anche di azione operativa per fronteggiare le sfide di questo millennio. I delegati italiani (nella foto durante una riunione) hanno anche deciso di varare una rete per promuovere la ricerca e le professionalità presenti nel Paese per garantire la competitività della nostra Sanità Pubblica. I prossimi appuntamenti di Glasgow 2014 e di Milano 2015 saranno momenti importanti di questa azione.

Walter Ricciardi

 

Nel 2015 la Public Health Conference sarà a Milano

L'VIII edizione della Public Health Conference (PHC) si svolgerà a Milano dal 14 al 17 ottobre 2015 e sarà intitolata Public Health In Europe: from global to local; principles, methods and practice. Chair della conferenza sarà il Presidente-eletto della SItI Carlo Signorelli mentre Walter Ricciardi, attuale Presidente EUPHA, presiederà il Comitato scientifico. Nel corso della VI Conferenza in corso di svolgimento a Bruxelles è stata distribuita la brochure preliminare del Congresso di Milano che si svolgerà contemporaneamente al 48° Congresso Nazionale della SItI. La Public Health Conference del 2014 si svolgerà a Glasgow dal 19 al 22 novembre ed è intitolata "Mind the gap: reducing inequalities in health and health care.

 

Bonanni: bene collaborare con AIFA, ma serve la Commissione Nazionale Vaccini

"I due comunicati che AIFA ha emanato nei giorni scorsi, il primo di difesa del proprio operato dopo il nostro richiamo ad una comunicazione efficace e corretta sulla vaccinazione anti-influenzale, e il secondo di ‘raccomandazione’ di adesione alla campagna attualmente in corso - sottolinea il Coordinatore del Gruppo vaccini della SItI Paolo Bonanni - indicano che abbiamo colto nel segno. Siamo sinceramente interessati a collaborare con AIFA, anzi consideriamo fondamentale integrare le attività di sanità pubblica e di vaccino vigilanza. Ma sempre nel rispetto dei rispettivi ruoli e avendo presente l’obiettivo comune: agire a vantaggio della salute della popolazione, mettendo nella giusta proporzione (anche in termini comunicativi) i benefici e i rischi delle vaccinazioni. Per questo, se da un lato siamo soddisfatti di registrare che AIFA sottolinea nell’ultimo comunicato l’importanza di vaccinarsi, dobbiamo dall’altro rilevare che il sostegno alle campagne vaccinali da parte dell’Agenzia del Farmaco è importante soprattutto nei momenti di ‘crisi’, come quello seguito alla sospensione di alcuni vaccini lo scorso autunno. Era in quel momento che si doveva ribadire, simultaneamente alla sospensione, l’importanza fondamentale di continuare a vaccinarsi. Diversamente, un comunicato come quello dei giorni scorsi, pur condivisibile nella sostanza, si configura come una sorta di ‘attività vicariante’ di raccomandazioni strategiche e d’indirizzo, che sono invece proprie del Ministero della Salute, delle Regioni e delle Società Scientifiche di Sanità Pubblica”.
"Lo diciamo senza alcun intento polemico - continua Bonanni - nella speranza che la nostra presenza di igienisti al tavolo comune sanità pubblica-farmacovigilanza attivo presso AIFA (partecipazione ricordata nel primo comunicato) ci porti a parlare sempre di più una lingua comune. Per ottenere questo risultato è necessario però quello che ormai stiamo chiedendo da anni: che sia ri-istituita la Commissione Nazionale Vaccinazioni - struttura esistente in tutti i Paesi europei - sola sede dove tutte le competenze (ministeriali, regionali, di farmacovigilanza, di valutazione delle tecnologie sanitarie, ecc.) possono naturalmente trovare la loro sintesi. Le prossime settimane ci vedranno impegnati a richiedere con rinnovata convinzione al Ministro della Salute che l’Italia ritorni, anche in questo settore, ad essere in Europa".

 

Tra i FIR 2013 un progetto multicentrico di giovani igienisti

Il 31 ottobre è stato pubblicato il decreto del MIUR con la graduatoria dei progetti ammessi al finanziamento del bando "Futuro in ricerca" (il principale strumento di investimento nella ricerca di base promosso dal MIUR) tra i quali, nel settore ERC LS7 (Diagnostic tools, therapies and public health), figura il progetto "Strategie per la prevenzione del carcinoma della cervice uterina: prospettive a medio e lungo termine in Italia" che nasce da una cordata tra gli igienisti delle delle Università di Foggia (coordinatori), Firenze e Bari e sarà coordinato da Francesca Fortunato (nella foto) dell'Università di Foggia coadiuvata da Silvio Tafuri di Bari e Sara Boccalini di Firenze. "Siamo particolarmente felici - ha dichiarato l'igienista di Foggia Rosa Prato - anche perché questa edizione del programma mira a finanziare posti di ricercatore per le nostre sedi". A fronte dei circa 900mila euro richiesti il progetto ne ha ottenuti 752mila.

 

Le nuove norme sulle specialità sono legge. Ora attesa per i decreti

Il 7 novembre il Parlamento ha convertito in legge il Decreto Legge 104/13 – "Misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca”, che cambia le regole per le Scuole di specializzazione di area sanitaria con una riorganizzazione dei corsi di formazione specialistica per medici e laureati del settore sanitario. Il concorso di accesso alle specializzazioni mediche diventa su graduatoria nazionale mentre il MIUR entro il 31 marzo 2014 deve riorganizzare classi, tipologie e durata dei corsi di formazione specialistica riducendone in alcuni casi la durata con osservanza dei vincoli previsti dalla normativa europea. Altra novità importante è la possibilità per il medico in formazione di specializzarsi anche nelle ASL che non sono polo universitario. Per quanto riguarda il numero di contratti si attende la legge di stabilità in questi giorni all’esame del parlamento. Discussione ancora aperta invece per la parificazione della formazione in medicina generale con le altre specializzazioni, come avviene negli altri paesi europei.

 

Altri 17 docenti di igiene lasciano (in 10 anni -29%). Ma arrivano i nuovi ricercatori

Dal 1 novembre 2013 è calato di altre 17 unità il numero di professori universitari di igiene (MED/42) in servizio nelle università italiane. In dieci anni gli Ordinari sono scesi da 108 a 81 e gli Associati da 128 a 88 con un calo complessivo del 29%. Ecco l'elenco di chi ha lasciato il servizio attivo al termine dell'anno accademico 2012/13: tra gli ordinari Bergomi Margherita (Modena), Boccia Antonio (Roma Sapienza), Calisto M.Luisa (Messina), Cocchieri Renata (Napoli), Comodo Nicola (Firenze), Gregorio Pasquale (Ferrara), Osborn John F. (Sapienza), Scoglio M.Elena (Messina) e Tanzi M. Luisa (Parma). Tra gli Associati Barbi Maria (Milano), Ceccherini Raffaele (Siena), Contu Antonio (Cagliari), Dessì Sandro (Cagliari), Gallelli Giovanni Battista (Genova), Jatta Edoardo (Bari), Mauro Luisa (Catania), Zecca Ermenegildo (Pavia). Tra le note confortanti i 13 nuovi ricercatori a tempo definito ex art. 24 comma 3-a della Legge Gelmini che hanno preso recentemente servizio: sono Amodio Emanuele (Palermo), Bechini Angela (Firenze), Boccalini Sara (Firenze), Bonetta Sara (Torino), Buffoli Maddalena (Politecnico di Milano), Chiavarini Manuela (Perugia), Lorini Chiara (Firenze), Martino Ardigo' (Bologna), Nardone Antonio (Napoli "Federico II"), Pariani Elena (Milano), Protano Carmela (Sapienza), Santomauro Francesca (Firenze), Sardu Claudia (Cagliari).

 

Addio a Carmine Melino, "ultimo" igienista del lavoro

Si è spento a 93 anni Carmine Melino, già professore Associato all'Università Sapienza di Roma e socio onorario della SItI. Nato ad Anzano di Puglia (FG) nel 1920, Melino ha svolto la sua carriera accademica all'Università "La Sapienza" occupandosi soprattutto di tematiche di igiene del lavoro e igiene industriale ed essendo coordinatore editoriale del noto ed apprezzato testo "Melino, igiene del lavoro" pubblicato dalla SEU. Ha anche svolto per molti anni attività professionale come medico delle Ferrovie dello Stato. Al figlio Jerry (Ordinario di medicina Sperimentale all'Università di Tor Vergata) e alla famiglia le più vive condoglianze del Presidente e di tutta la SItI. I funerali si svolgeranno a Roma martedì 19 novembre mentre la salma verrà tumulata nella "sua" Capri dove era solito trascorrere molto tempo.

 

Entro il 30 novembre le iscrizioni low-cost al 47° Congresso Nazionale

Per il 47° Congresso Nazionale SItI che si svolgerà a Riccione dal 1 al 4 ottobre 2014 sono diverse le novità organizzative e scientifiche: anzitutto saranno due le Sezioni coinvolte e ben sette le sedi accademiche che collaboreranno alla redazione del Programma scientifico, assieme alla Giunta Nazionale e al Comitato scientifico della SItI. La scelta di Riccione nasce per facilitare le esigenze logistiche dei partecipanti e per garantire una maggiore sostenibilità dei costi dell'organizzazione, degli sponsor e dei partecipanti. Entro il 30 novembre 2013 sono possibili fin da ora le iscrizioni low-cost, con l'obiettivo di incentivare la partecipazione al più importante evento di sanità pubblica dell'anno. Per specializzandi, dottorandi, giovani under40 e professioni sanitarie il costo sarà di soli Euro 99 mentre per tutti gli altri sarà di euro 149. Queste iscrizioni a prezzo ridotto comprendono la partecipazione ai lavori congressuali, il diritto a presentare abstract, il cocktail di benvenuto, i buoni per i coffee break, l'accreditamento ECM, la borsa congressuale con gli atti in formato elettronico. Esclusi cena sociale e lunch che potranno anche essere acquistati in un secondo tempo. Per ulteriori informazioni leggere la brochure informativa o contattare la Segreteria SItI (06-5203492).

 

Soci SItI a quota 2353. Ultimo sollecito per versare la quota del 2013

I soci in regola con la quota associativa sono saliti a 2353. Per i ritardatari il rinnovo delle quote per il 2013 potrà avvenire utilizzando il MAV inviato a tutti oppure compilare il form di iscrizione che permetterà la generazione di un avviso di pagamento MAV. Le quote di iscrizione sono di euro 60 (ordinaria) con riduzione a euro 40 per i soci nati nel 1977 e anni successivi e per Assistenti sanitari, Infermieri e Tecnici della prevenzione.
Si ricorda che dal prossimo numero IGIENISTI ON-LINE riprenderà ad essere inviato solo ai soci in regola con la quota sociale per l'anno 2013.

 

I prossimi appuntamenti congressuali: ultime iscrizioni a Erice e tutto esaurito a Verona

Ecco l’elenco dei principali appuntamenti scientifici di interesse igienistico dei prossimi due mesi. Il 20 novembre si chiudono le iscrizioni al Corso di Erice "La prevenzione dei tumori. Aspetti scientifici e organizzativi", in programma dal 26 novembre al 1 dicembre e diretto da Sandro Cinquetti e Silvio De Flora che vede la partecipazione di autorevoli relatori tra cui Stefania Boccia (RM), Michele Conversano (TA), Massimo Moretti (PG), Paolo Bonanni (FI), Giuseppe La Torre (RM), Francesco Donato (BS). Al Convegno di Verona del 6 dicembre "2008-2013: 5 anni di sospensione dell'obbligo vaccinale nella Regione Veneto" il successo straordinario di adesioni (circa 400) ha costretto gli organizzatori a chiudere in anticipo le iscrizioni: