Home 2013 Novembre 2013 Numero 27 del 3 novembre 2013
Numero 27 del 3 novembre 2013 Stampa

FUORI DAL SEMINATO

Dall'OMS alla UE, dall'OCSE al Commissario per la spending Review sono tutti d'accordo che la prevenzione sanitaria è utile, auspicata e anche in grado di far risparmiare. Tuttavia la traduzione dei buoni principi nella pratica trova ostacoli di ogni genere. Alcuni recenti episodi sottolineano come troppo spesso gli organismi istituzionali e le professionalità competenti in materia siano relegati ai margini del sistema. E allora via libera ai NAS per i controlli alimentari (invece dei SIAN), a NOE e Corpo Forestale dello Stato per i controlli ambientali (al posto di ARPA e ASL) a Commissioni miste FNOMCEO-ISDE per la formazione dei medici su temi di ambiente e salute (con buona pace dell'Università). Sono segni inequivocabili di istituzioni in declino e di un Paese malato che duplica competenze anzichè razionalizzare quelle esistenti. Per le tematiche care agli operatori di sanità pubblica serve forse una scossa ridefinendo e condividendo con tutti gli stakeholders i compiti del Dipartimento di Prevenzione dell'ASL e valutando forse quel cambio di nome che un nostro Dirigente ha proposto a Giardini Naxos (Dipartimento per la Tutela della Salute Collettiva) e che i nostri soci, con un sondaggio on-line, hanno dimostrato di gradire. A volte le inversioni di tendenza iniziano proprio così.

Carlo Signorelli

 

Indicazioni sulla vaccinazione antipneumococcica nei soggetti a rischio

Il Board Congiunto SItI, SIP, FIMP, FIMMG, autore del “Calendario Vaccinale per la Vita”, su sollecitazione di diversi operatori, ha ritenuto opportuno fornire specifiche raccomandazioni aggiornate riguardo la vaccinazione antipneumococcica dei soggetti a rischio, prevista peraltro dal PNPV 2012-14 senza dettagli specifici. Allegato il documento finale. Nella foto il Coordinatore del Gruppo Vaccini della SItI Paolo Bonanni.

 

"Progetto Sentieri utile ma non esaustivo"

Il progetto “Sentieri” (Studio Epidemiologico Nazionale dei Territori e degli Insediamenti Esposti a Rischio da Inquinamento) è un valido strumento per rilevare eventuali eccessi di patologie in un SIN e, dunque, per generare ipotesi, ma non può essere considerato sufficiente per trarre conclusioni definitive. Ad esso devono seguire, per confermare tali ipotesi, studi analitici, con dati individuali e un adeguato controllo dei fattori di confondimento individuali e ambientali. In tal senso si è espresso con un Documento di indirizzo per la comprensione della metodologia di ricerca e di intervento sui siti ad alto rischio di crisi ambientale il Gruppo di lavoro Salute e Ambiente della SItI coordinato da Margherita Ferrante (nella foto).

 

Commissioni ambiente e salute. Lettera ai Presidenti degli Ordini

Il Presidente della SItI Michele Conversano, a proposito delle commissioni “Ambiente e Salute” istituite o in via di istituzione nell’ambito degli Ordini dei Medici provinciali, ha inviato una lettera a tutti i Presidenti provinciali suggerendo la presenza di medici specialisti in igiene e medicina preventiva operanti nelle università e sul territorio. Con l’auspicio di un accoglimento dei contenuti e di una proficua e fattiva collaborazione che in qualche realtà è già stata accolta.

 

Specialità: riduzione della durata anche per i già iscritti

La Camera dei Deputati ha approvato il disegno di legge "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca" che tra le altre cose stabilisce che l’ammissione alle scuole di specializzazione mediche avverrà sulla base di una graduatoria nazionale, la riduzione della durata dei corsi e modifica i criteri in base ai quali determinare il numero degli specialisti da formare annualmente.Una novità introdotta da un emendamento riguarda l’applicazione retroattiva dell’abbreviazione del corso (per l’Igiene dovrebbe scendere da 5 a 4 anni) agli specializzandi iscritti al secondo ed al terzo anno. Il provvedimento passa adesso all'esame del Senato.

 

La nuova Coordinatrice delle Professioni sanitarie si presenta

Riceviamo e pubblichiamo volentieri una nota di Anna Fabbro (nella foto), investita all'ultimo Congresso Nazionale SItI della carica di Coordinatore della Consulta delle Professioni sanitarie della SItI.
"Scusate se solo ora ho trovato il tempo per ringraziare della possibilità che mi è stata offerta. Sono consapevole che mi aspetta un grosso impegno ma, anche grazie all'esperienza lavorativa più che trentennale, tutto ciò non mi spaventa. La precedente esperienza con la dott.ssa Russo è stata per voi più che positiva, spero altrettanto di non deludervi e di riuscire a portare ad alti livelli la Consulta così come il numero di iscritti. Uno dei miei obiettivi è di riuscire ad affermare la Consulta all'interno della SItI cercando di coinvolgere tutti i professionisti sanitari senza prevaricazioni o contrapposizioni tra le diverse figure. Solo lavorando congiuntamente si riesce ad affermare la propria competenza e a dare, dove possibile, dei contributi scientifici utili alla crescita professionale. Ho già contattato tutti membri del direttivo che, dalla prima impressione, mi sembrano entusiasti di iniziare a lavorare; ho inoltre concordato per fine novembre il primo incontro del Direttivo che si terrà a Roma per poter agevolare tutti i membri visto le diverse provenienze geografiche. Spero in una proficua ed attiva partecipazione di tutti i membri del direttivo e soprattutto l'integrazione di altri colleghi che si proporranno per collaborare con i progetti che la Consulta intende portare avanti. Cercherò di dare il meglio per non deludere le aspettative riposte in questo direttivo".

 

Nome del Dipartimento di prevenzione e Antinfluenzale: i risultati dei sondaggi

Tra le proposte dell'ultimo Congresso Nazionale ne sono emerse due dai colleghi Fausto Francia (nella foto) e Sandro Cinquetti che sono state oggetto da parte dei soci SItI di un sondaggio proposto da IGIENISTI ON-LINE. In allegato i risultati che testimoniano desideri di cambiamento da parte della nostra base sociale.

 

 

Gruppi di lavoro: relazione del Gruppo Genomica in Sanità Pubblica

Prosegue la pubblicazione delle relazioni del Gruppi di lavoro della SItI. Per questo numero è la volta del Gruppo Genomica in Sanità Pubblica coordinato dal Professor Silvio De Flora (nella foto) che ha tenuto a Giardini Naxos la sua riunione annuale.

 

 

 

On-line tutte le relazioni e i poster congressuali

Mettiamo a disposizione dei soci SItI tre files in PDF contenenti rispettivamente gli abstract delle relazioni, le comunicazioni e i poster del 46° Congresso Nazionale della SItI svoltosi a Giardini Naxos dal 17 al 20 ottobre. I numeri complessivi del Congresso sono rilevanti: superati i 1000 partecipanti con 724 lavori scientifici presentati e 17,5 crediti ECM assegnati all'evento. Si invitano gli autori a segnalare a MCA EVENTS eventuali errori o omissioni che verranno corretti e pubblicati a breve on-line.

 

 

Il 47° Congresso Nazionale organizzato dalle Sezioni Emilia-Romagna e Marche

La Giunta Esecutiva della SItI ha scelto la sede del prossimo Congresso Nazionale SItI che si svolgerà a Riccione dal 1 al 4 ottobre 2014. Questo Congresso vedrà diverse novità organizzative e scientifiche: anzitutto saranno due le Sezioni coinvolte e ben sette le sedi accademiche che collaboreranno alla redazione del Programma scientifico, assieme alla Giunta Nazionale e al Comitato scientifico della SItI. La scelta di Riccione nasce per facilitare le esigenze logistiche dei partecipanti e per garantire una maggiore sostenibilità dei costi dell'organizzazione, degli sponsor e dei partecipanti. Per il Congresso di Riccione vengono già da ora offerte due soluzioni di iscrizioni low-cost anticipate (entro il 30 novembre 2013), con l'obiettivo di incentivare la partecipazione al più importante evento di sanità pubblica dell'anno. Per specializzandi, dottorandi, giovani under40 e professioni sanitarie il costo sarà di soli euro 99 mentre per tutti gli altri sarà di euro 149. Queste iscrizioni a prezzo ridotto, sottoscrivibili contattando la Segreteria nazionale SItI, comprendono la partecipazione ai lavori congressuali, il diritto a presentare abstract, il cocktail di benvenuto, i buoni per i coffee break, l'accreditamento ECM, la borsa congressuale con gli atti in formato elettronico. Esclusi cena sociale e lunch.

 

Lettera al Direttore. NAS e controlli alimentari in Italia (di V. Carreri)

Cari Amici, su "SETTE" del Corriere della Sera del 1 novembre è comparso un servizio speciale sulla alimentazione. Il titolo è illuminante: "Pesce rivitalizzato, mozzarelle adulterate, pasta contraffatta. Le agromafie sono all'attacco. Ecco come procure e politica difendono il sistema". Il quadro che esce è in sintesi il seguente: 1) ASL, Dipartimenti di Prevenzione e SIAN non esistono, anzi se fanno qualcosa è perché sono coordinati dai NAS; 2) il procuratore Guariniello torna a proporre una Superprocura dedicata alla sicurezza alimentare; 3) il Ministro della salute punta su EXPO 2015 e su una Conferenza internazionale sulle frodi alimentari e la sicurezza alimentare " assieme alle autorità di controllo, forze di polizia e magistrature di tutti di tutti gli Stati membri dell'UE"; 4) Umberto Agrimi dell'ISS è pronto ad intervenire con 200 veterinari, medici, chimici e biologi; 5) Luca Barbareschi ha fatto un film su questi temi che propone di proiettare nelle scuole; non una sola parola sulla attività e sui risultati ottenuti dai Servizi delle ASL. Conclusioni: "L'Italia è al top dei controlli nel settore alimentare grazie al lavoro dei NAS". Bisogna che la SItI ed in particolare il Gruppo di Lavoro sull'igiene degli alimenti predisponga una nota che spieghi come stanno realmente le cose.

 

Soci SItI a quota 2310. Come rinnovare la quota associativa.

Dopo il Congresso Nazionale i soci in regola con la quota associativa sono saliti a 2310 con Abruzzo-Molise (410), Apulo-Lucana (235) e Lazio (223) in testa alla graduatoria delle Sezioni. Da notare la rilevanza della categoria delle professioni sanitarie (assistenti sanitari e tecnici della prevenzione) che ha superato le 300 unità.
Il rinnovo delle quote per il 2013 potrà avvenire in tutte le banche e uffici postali utilizzando il MAV che è già stato inviato per posta a tutti i nostri soci. I nuovi iscritti (o quelli che non hanno ricevuto il MAV) possono invece compilare il form di iscrizione che permetterà la generazione di un avviso di pagamento MAV che potrà essere pagato on-line tramite carta di credito o, se previsto, tramite il servizio offerto dal proprio istituto di Internet Banking. Il MAV può essere inoltre stampato e pagato presso tutti gli sportelli di banche ed istituti di credito oppure presso tabaccherie e ricevitorie Lottomatica abilitate su tutto il territorio nazionale.
Si ricorda che le quote di iscrizione sono di euro 60 (ordinaria) con riduzione a euro 40 per i soci nati nel 1977 e successivi e per Assistenti sanitari, Infermieri e Tecnici della prevenzione. Utilizzando il modulo d'iscrizione on-line è possibile pagare, contestualmente all'iscrizione SItI, anche la quota EUPHA (European Public Health Association) di euro 8,00, che permetterà agli iscritti, tra l’altro, di ricevere sulla propria posta elettronica la versione on-line di European Journal of Public Health. Si ricorda a tutti i Soci che l'iscrizione o il rinnovo della quota di iscrizione per il 2013 può essere anche eseguito contattando la Presidenza o la Segreteria delle singole Sezioni Regionali.

 

Gli appuntamenti dell'autunno 2013

Ecco l’elenco dei principali appuntamenti scientifici di interesse igienistico (vedi anche elenco illustrato) dei prossimi mesi. Si pregano gli organizzatori di segnalare alla redazione le manifestazioni dei prossimi mesi.