Home 2013 Ottobre 2013 Numero 24 del 18 ottobre 2013
Numero 24 del 18 ottobre 2013 Stampa

Sui vaccini igienisti irrequieti ma vincenti

"Siamo la comunità scientifica che ha sostenuto la vaccinazione anti-epatite B all'inizio degli anni '90, la vaccinazione antimeningococco C, anti-HPV e antipneumococco agli anziani ben prima che arrivassero le raccomandazioni e le offerte attive e gratuite. In tutti i casi saremo stati irrequieti ma i dati epidemiologici ci hanno dato ragione". Paolo Bonanni ha chiuso la sessione del 46° Congresso SItI dedicata alle prospettive vaccinali con toni accesi ma anche con preoccupazioni per la scarsa sensibilità di quasi tutti i decisori riguardo il tema delle vaccinazioni dell'infanzia e soprattutto dell'adulto. Il 46° Congresso Nazionale della Società Italiana di Igiene ha vissuto la sua seconda giornata con un concentrato di offerte scientifiche e una partecipazione notevole di congressisti. C'è stato qualche disguido per i poster elettronici che l'organizzazione sta risolvendo.

 

Il resoconto della seconda giornata congressuale

La giornata di venerdì ha preso il via con una sessione plenaria su “Salute e Ambiente” che ha visto alternarsi tra i diversi relatori Margherita Ferrante, coordinatrice dell’omonimo gruppo della S.It.I. A seguire l’attenzione si è focalizzata sulle vaccinazioni nell’adulto e nell’infanzia: è stato ribadito come il Calendario Vaccinale della Vita rappresenti uno strumento essenziale e facilmente adattabile anche all’introduzione di nuovi vaccini, condizione sempre più concreta, vista la prossima commercializzazione del nuovo vaccino contro il meningococco B, e anche la necessità di raggiungere il target di copertura del morbillo, quale priorità di Sanità Pubblica, ancora lontana dall’essere raggiunta in Italia e in Europa. La sessione plenaria del pomeriggio ha introdotto gli argomenti dell’Alimentazione e della Nutrizione, sottolineando con lo slogan “Mangiare sicuro ma essere sicuro di mangiare” l’importanza non solo della sicurezza alimentare ma anche della sostenibilità alimentare, e ribadendo che nonostante la globalizzazione dell’alimentazione, causata dalla commercializzazione sovranazionale, la malnutrizione per difetto, nei Paesi a basso reddito, o per eccesso, nei Paesi ad alto reddito, rappresentino ancora un grande problema mondiale. Nelle sessioni parallele si sono affrontati temi come Prevenzione delle infezioni correlate all’assistenza e la prevenzione delle malattie cardiovascolari. Sono state inaugurate poi, nel pomeriggio, le sessioni delle Comunicazioni Orali e Spazio Giovani con argomenti come il territorio e l’ospedale.

 

Salute e ambiente: troppa burocrazia e poche certezze

Gli studi di epidemiologia ambientale sono lunghi e difficili, il rischio di strumentalizzazione su temi ambientali è altissimo e le certezze per i cittadini sono poche. Nel corso del 47° Congresso Nazionale SItI in corso a Giardini Naxos è stato affrontato il delicato tema degli effetti sulla salute delle esposizioni ambientali. Michele Conversano, Presidente SItI, ha sottolineato come spesso" le norme ambientali vigenti non siano correlate con gli effetti sanitari, tanto che si sono riscontrati eccessi di malattie in presenza di limiti di legge rispettati."
"L'Italia è un paese di controllori, di vigilanti e di burocrazie che affogano le imprese e lo sviluppo" ha sottolineato Carlo Signorelli, Vicepresidente della SItI e Assessore all'ambiente in Provincia di Lecco. Nel settore ambientale ci sono almeno 7 istituzioni deputate ad attività di vigilanza e ispettive, spesso non coordinati tra loro, che portano a una scarsa efficacia del sistema, poche certezze per i cittadini sui reali rischi per la salute e "irruzioni" sempre più frequenti della magistratura per reati ambientali." Dalla sessione è emerso come il bilancio delle politiche ambientali italiane per la tutela della salute sia largamente deficitario, come provato da alcuni casi eclatanti; una delle ragioni è la frattura mai sanata tra competenze sanitarie ed ambientali, la normativa UE talvolta inapplicabile e la mancanza di valutazioni di impatto sociale e sul mondo della produzione delle varie norme che spesso ignorano le priorità di salute sia in termini di veri rischi che di rischi presunti ma non provati. Ciò ha minato la credibilità del sistema favorendo frequenti strumentalizzazioni.
Pierluigi Macini, Presidente della SItI Emilia-Romagna ha presentato i dati dello studio Moniter, sottolineando l'assenza di effetti sanitari significativi nelle popolazioni che hanno vissuto negli ultimi decenni attorno agli impianti di incenerimento dei rifiuti.
Alfonso Gelormini, responsabile salute e igiene industriale ENI spa, ha citato uno studio Confindustria che dimostra che per il rilascio delle autorizzazioni ci sia un massimo di 12 mesi medi in Europa mentre in Italia si va da 14 mesi fino a 5 anni. E quando le aziende lamentano i costi delle burocrazie e delle prescrizioni fini a se stesse (una stima indica in 4,6 punti di PIL) i Governi, nella contingenza della crisi, reagiscono spesso con provvedimenti affrettati di apparente semplificazione ma spesso d'impatto complessivamente negativo, come la recente introduzione dell'Autorizzazione Ambientale Unica (AUA). "Le aziende - conclude Gelormini - condividono l'elemento etico degli studi ma temono la strumentalizzazione per cui incoraggiano e supportano studi epidemiologici seri e esaustivi.
Gabriella Aggazzotti, Ordinario di Igiene a Modena (nella foto), ha sottolineato la lunghezza e la complessità delle ricerche su salute e ambiente e la necessità di studi approfonditi e di lunga durata per fornire risposte sostenibili ai decisori e ai cittadini.

 

Sabato si inizia alle ore 8 con Consulte e Collegi

La terza giornata congressuale si apre sabato alle 8.00 con, in parallelo, il collegio dei Docenti (sala Tindari, nella foto il coordinatore Italo Angelillo), il collegio degli Operatori (sala Nettuno), la Consulta delle Professioni Sanitarie (sala Dionisio) e la Consulta degli Specializzandi (sala Pitagora). A seguire, gli appuntamenti scientifici prevedono le sessioni parallele (Igiene e Sicurezza Alimentare ed Epidemiologia e Prevenzione dei Tumori) e le comunicazioni orali e spazio giovani (sui temi di ambiente e alimenti). Nella giornata sono previsti tre simposi incentrati su rivelanti questioni in tema vaccinale (sala Tindari): in mattinata un focus più generale sugli ‘Obiettivi raggiunti e prospettive future per la vaccinazione in Italia’ , nel pomeriggio, un focus più specifico su “Vaccinazione Antinfluenzale A Un bivio: resa o ripresa” e “Equità Sociale e vaccinazione anti-HPV’. Nel tardo pomeriggio, sei ricche sessioni tematiche: [Biologia molecolare applicata alla Sanità Pubblica, Prevenzione e Sicurezza nei Luoghi di lavoro, Epidemiologia e Sistemi Informativi nei Dipartimenti Di Prevenzione, Contrasto delle Disuguaglianze Di Salute, Assistenza Primarie e una sessione miscellanea che raccoglie contributi su temi eterogenei legati alla medicina preventiva e sanità pubblica. L’appuntamento per i nostri Soci è poi in serata per la tradizionale cena sociale nella splendida cornice di Giarre (servizi di navetta per da/ristorante previsti alle ore 20.00).

 

Un APP ministeriale per il calendario vaccinale

Fai il vaccino al tuo bambino e poi divertiti con lui a schiacciare virus e batteri con un dito! Così recita il lancio dell'APP gratuita del Ministero della salute "Planner delle vaccinazioni" disponibile da qualche giorno. Occorre impostare i dati del bambino e i riferimenti del pediatra. L’App propone le date consigliate per la prima dose dei vaccini (in base al Piano nazionale vaccini 2012-2014). Una volta inserita la data della prima vaccinazione effettuata, l’App ti segue e ti aggiorna sulle date dei richiami. Dopo ogni vaccinazione inserita, si può giocare col bambino facendogli schiacciare le immagini di virus e batteri. L’App non sostituisce il certificato ufficiale di vaccinazione, che può essere rilasciato esclusivamente dall’ente pubblico che la effettua, e non sostituisce il parere e la prescrizione del pediatra.

 

Dove trovare i nuovi libri presentati al Congresso SItI

Sono diversi i volumi scientifici che sono stati recentemente pubblicati e sono disponibili al 46° Congresso Nazionale di Giardini Naxos. Si tratta di produzioni originali, interessanti e di grande utilità pratica sia per i docenti che per gli operatori dei servizi di prevenzione e altri professionisti di sanità pubblica.

IGIENE DEL LAVORO - Il volume “La valutazione dei rischi lavorativi: criticità ed indicazioni operative” redatto dal Gruppo Prevenzione e sicurezza sui luoghi di lavoro con il contributo di numerosi esperti e la supervisione di Annalaura Carducci e Maria Triassi, è stata distribuita fino ad esaurimento delle 300 copie. E' in vendita da parte della SEU.

ACQUA E SALUTE - Il Gruppo di lavoro ambiente e salute, coordinato da Margherita Ferrante, ha prodotto un prezioso volume sulla gestione delle risorse idriche in Italia con numerosi approfondimenti metodologici e spunti di attualità negli 11 capitoli. E' disponibile per tutti i congressisti.

VACCINAZIONI - Il testo scientifico aggiornatissimo sulle vaccinazioni promosso dal Gruppo vaccini della SItI "Le Vaccinazioni: dalle acquisizioni scientifiche al miglioramento delle strategie" è disponibile sul sito della SEU. Alcune copie sono distribuite allo Stand Pfizer del 46° Congresso Nazionale SItI.

RICETTE D'ITALIA - I Gruppi di lavoro SItIIgeine degli Alimenti e Diseguaglianze di salute hanno prodotto il testo "Ricette d'Italia tra gusto e salute",curato dai due coordinatori Emilia Guberti e Gaetano Maria Fara con una collezione di ricette regionali che coniugano tradizione, gusto e salute. E' disponibile per tutti i congressisti.

ALTRI TESTI - E' in distribuzione alla Segreteria SItI del Congresso il Rapporto Prevenzione FSK 2012 nonchè il riassunto del Rapporto 2013, in corso di stampa, che sarà disponibile per la fine di novembre. E' in vendita nell'area espositiva il volume di Bice Previtera (prentazione di Walter Ricciardi) L'INTEGRAZIONE OSPEDALE TERRITORIO NEL SSN (scontato a 60€) che ripercorre i percorsi legislativi ed operativi dalla Legge 833/78 ad oggi.

 

Alla segreteria SItI del Congresso per rinnovi quota e iscrizioni low-cost al prossimo Congresso

Il rinnovo delle quote per il 2013 potrà avvenire in sede Congressuale al bancone SItI dove è presente la Segretaria Signora Marianna Sovera.Si ricorda che le quote d'iscrizione sono di euro 60 (ordinaria) con riduzione a euro 40 per i soci nati nel 1977 e successivi e per Assistenti sanitari, Infermieri e Tecnici della prevenzione. Presso lo stand SItI sono in distribuzione le locandine che annunciano il 47° Congresso Nazionale.

 

Carreri testimonial della Pfizer?

Allo stand Pfizer del 46° Congresso Nazonale SIti campeggia una gigantografia che promuove la vaccinazione antipneumococcica nell'anziano. Il personaggio maschile raffigurato appare come una foto di Vittorio Carreri, ex Presidente SItI, opportunamente ritoccata e migliorata. Ma è lui o non è lui? Vai allo stand, osserva bene il poster e rispondi al sondaggio di IGIENISTI ON-LINE.