Home
IGIENISTI ON-LINE Supplemento a SItI - Notizie
Numero 24 del 22 luglio 2016 Stampa

Editoriale

FNOMCeO scende in campo a favore dei vaccini

logo"Il consiglio di non vaccinarsi, in particolare se fornito al pubblico con qualsiasi mezzo, costituisce infrazione deontologica”. Sono poche parole che pesano come macigni sull'attualissimo dibattito in corso sull'utilità delle vaccinazioni; parole che la FNOMCeO ha sintetizzato in un documento condiviso e approvato all’unanimità dal Consiglio nazionale con lo scopo di invertire un quadro che negli ultimi anni ha visto un calo progressivo delle coperture vaccinali. In sostanza chi sgarra potrebbe rischiare le sanzioni previste dal Codice deontologico che nei casi più gravi comportano la radiazione dall'Albo. Siamo persuasi che ne' il sistema sanzionatorio ne' quello degli obblighi sia efficace e risolutivo, ma autorevoli affermazioni come quella della FNOMCeO sono di grandissima utilità per inviare messaggi penetranti alla popolazione sull'utilità ed efficacia delle politiche vaccinali. E proprio su questo numero di IOL pubblichiamo i risultati dell'ultimo sondaggio sul provvedimento della Regione Emilia-Romagna di obbligo negli asili. il 91% dei nostri soci è favorevole.

Carlo Signorelli

Sondaggio on-line

91% dei soci a favore dell’obbligo vaccinale negli asili nido

logoL'interessante quanto attualissimo sondaggio d’opinione sulla recente proposta della Regione Emilia-Romagna di istituire l’obbligo di esibizione del certificato vaccinale per l’ammissione ai nidi dell’infanzia è stato gradito (circa 300 rispondenti) e ha dato risultati che parlano da soli: il 75,3% dei nostri soci si dichiara molto favorevole al provvedimento, il 15,4% favorevole con qualche riserva, il 3,6% incerto, il 5,7% contrario.
Qualche posizione contraria (si veda la nota di Antonio Faggioli) sembra lontana rispetto a quella dei soci, dei Presidenti delle principali società scientifiche (che hanno supportato l’iniziativa), del Ministero (che ha inserito questa possibilità nel nuovo Piano vaccini), delle Regioni e degli operatori del SSN. "Sui vaccini servono scelte “forti” che contrastino la disinformazione, l’esitazione vaccinale sempre più diffusa e soprattutto il preoccupante calo delle coperture - ha sottolineato il Presidente della SItI Carlo Signorelli - e anche se l’obbligo vaccinale non è a mio avviso la via maestra per una sanità pubblica moderna, alcune situazioni contingenti richiedono provvedimenti sanitari eccezionali da parte dei decisori; provvedimenti che il mondo scientifico deve supportare per ridare credibilità alla scienza”.

Viaggiatori internazionali

Vaccino contro la febbre gialla: estensione della validità

logoLa risoluzione dell’Oms WHA67.13, adottata durante la 67ma Assemblea mondiale della sanità ed entrata in vigore l’11 luglio 2016, ha modificato il periodo di validità della vaccinazione contro la febbre gialla, da 10 anni a tutta la vita, senza necessità di richiami. Per maggiori informazioni e’ possibile scaricare la circolare ministeriale “Febbre Gialla. Raccomandazioni relative alla vaccinazione dei viaggiatori provenienti o con destino all’Angola e Repubblica Democratica del Congo” del 15 giugno 2016. Questo il link alla pagina dedicata al focolaio di febbre gialla attualmente in corso in Angola.

Corsi per MMG

Importante accordo SItI-FIMMG per attività didattiche formative

logoLa SItI ha siglato un significativo accordo quadro con la Federazione Italiana dei Medici di Medicina Generale (FIMMG) per offrire collaborazioni didattiche qualificate nei corsi regionali triennali per i medici in formazione nell’ambito delle specifiche tematiche relative all’Igiene e alla sanità pubblica. Gli argomenti proposti nei curricola riguarderanno in particolare: la metodologia epidemiologica e la sorveglianza; l'organizzazione sanitaria e la valutazione dei sistemi di assistenza territoriale; la conoscenza dei percorsi integrati di assistenza: i piani nazionali e regionali di prevenzione; l'appropriatezza prescrittiva; le infezioni correlate all'assistenza e l'antibioticoresistenza. In ogni realtà regionale le Sezioni SItI forniranno a FIMMG possibili docenti sia universitari che operanti in dipartimenti di prevenzione, distretti, direzioni sanitarie disponibili anche ad accogliere i MMG in formazione per tirocini e stage formativi. Peraltro, in alcune regioni come Campania e Sicilia tali collaborazioni sono di fatto già in atto.

Riviste scientifiche

Ecco il quadro delle riviste igienistiche. Anche Ann Ig su scopus

logoLa SItI può vantare oggi di avere ben tre delle cinque riviste scientifiche di settore indicizzate sul database Scopus. Infatti, anche Annali di Igiene (Ann Ig), dal gennaio 2016, ha ottenuto logoil prestigioso riconoscimento, dopo il Journal of Preventive Medicine and Hygiene (J Prev Med Hyg) che lo ha ottenuto nel 2004 ed Epidemiology, Biostatistics and Public Health (EBPH) che lo ha ottenuto dal 2013.
Al momento, Igiene e Sanità Pubblica (Ig Sanita Pubbl) rimane indicizzato da Scopus (dal 2003) solo come MedLine-sourced, mentre il Journal of Public Health Research (J Public Health Res) allogo momento non figura nel database di Scopus. Sono indexati su Medline gli Ann Ig (dal 1989), Ig Sanita Pubbl (dal 2003) e il J Prev Med Hyg (dal 2006). logo
Approfittiamo per ricordare le differenti caratteristiche delle cinque riviste, come brevemente descritto sull’Annuario della nostra Società. Ann Ig, diretta da G.M. Fara, pubblica gratuitamente lavori in sola lingua inglese in modalità open access, così come il J Prev Med Hyg (diretta da R. Gasparini).
logo EBPH, diretta da S. Boccia e C. La Vecchia, ed il J Publ Health Res, diretto da U Gelatti, pubblicano lavori in lingua inglese in modalità open access.
Ig Sanita Pubbl, diretta da A. Paná, pubblica lavori in lingua italiana con abstract in lingua inglese.
I link alle singole riviste sono disponibili sul nostro sito istituzionale.

Riviste scientifiche

Stefania Boccia nominata Editor di European Journal of Epidemiology

logoIl Segretario Nazionale SItI Stefania Boccia (nella foto), Professore Associato di Igiene e Medicina Preventiva all'Università Cattolica del Sacro Cuore (UCSC) di Roma e Adjunt Professor of Epidemiology alla Mount Sinai School of Medicine di New York, è stata nominata Editor di European Journal of Epidemiology (unica italiana nel board).
Segnaliamo inoltre un articolo pubblicato da "Panorama della Sanità" su un lavoro, condotto presso la Sezione di Igiene dell’Istituto di Sanità Pubblica dell’Università Cattolica del Sacro Cuore e coordinato dalla Prof.ssa Boccia, che confronta la qualità delle pubblicazioni scientifiche presenti sulle riviste di nuova generazione accessibili a tutti per la lettura gratuitamente e per le quali a pagare sono gli scienziati che pubblicano le loro ricerca, con le riviste che non sono a pagamento per i ricercatori e che non sono accessibili a tutti gratuitamente.

Nutrizione a scuola

Pasti portati da casa. Ecco le (rigorose) precauzioni

logoDopo la recente sentenza del tribunale di Torino relativo alla possibilità di consumare a scuola pasti portati da casa, Emilia Guberti, membro della Giunta SItI e direttore UOC Igiene Alimenti e Nutrizione del Dipartimento Sanità Pubblica di Bologna, risponde con un decalogo puntuale: "Il consumo di pasti, di provenienza diversa dalla mensa scolastica, da consumare a scuola deve, comunque, garantire la possibilità che questi vengano conservati in ambienti e a temperature idonee per evitare contaminazioni o deterioramenti. Ne consegue che saranno necessarie idonee apparecchiature frigorifere e/o per il riscaldamento. La scelta di somministrare esclusivamente alimenti conservabili a temperatura ambiente finirebbe col penalizzare la varietà e la qualità nutrizionale dei pasti consumati".
"Inoltre dovrà essere garantita la sorveglianza da parte di personale della scuola affinché ciascuno consumi il proprio pasto per evitare gli inconvenienti (allergie e intolleranze) o contaminazioni, dal momento che oltre il 50% delle tossinfezione alimentari interessa preparazioni domestiche. Al di là degli aspetti igienici, non va trascurata la valenza educativa della ristorazione scolastica che vede nel momento della condivisione del pasto una straordinaria occasione in cui “agire” l’educazione alimentare. Vi sono evidenze scientifiche che i bambini che consumano i pasti presso la mensa scolastica hanno abitudini alimentari più salutari rispetto ai coetanei che non lo fanno, dato confermato anche dalla sorveglianza “Okkio alla salute” che nel 2016 è arrivata alla sua 5a edizione. E’ in capo ai SIAN delle ASL l’impegno a vigilare su un obiettivo sfidante dell’offerta alimentare scolastica: la necessità di conciliare proposte coerenti con le raccomandazioni nutrizionali a tutela della salute ed i gusti degli utenti, una sfida che per essere vinta necessita del continuo confronto e della collaborazione sinergica fra sanità pubblica, aziende di ristorazione ed utenti: bambini, educatori, genitori ed enti locali".

49° Congresso Nazionale SItI

Ecco il programma preliminare. Abstract entro il 15 settembre

logoIl 49° Congresso Nazionale SItI si svolgerà dal 16 al 19 Novembre 2016 presso la sede della Stazione Marittima di Napoli. Nell'ambito del Congresso - intitolato "La Sanità pubblica guarda al futuro: gli assetti istituzionali e la ricerca al servizio della salute" - è stato recentemente approvato il planning generale congressuale e l'elenco delle sessioni "top-down" e "bottom-up", queste ultime vagliate dal Comitato scientifico e sottoposte a un sondaggio tra i soci. La scadenza per l’invio degli abstract è prevista per il 15 settembre 2016. Tutte le informazioni e le iscrizioni sono disponibili sul sito internet dedicato www.siti2016.eu.

Iscrizioni SItI 2016

Già 2200 iscritti quest'anno. A tutti i soci i MAV postali

logoLa campagna iscrizioni alla SItI per l'anno 2016 è in corso ed ha raggiunto la rilevante quota di 2206 soci, distribuiti ancora in modo eterogeneo con la Sezione Abruzzo-Molise sempre in testa alla graduatoria con 587 soci seguita da Apulo-Lucana (330) e Campania (169).
Per tutti gli altri soci che non hanno ancora rinnovato la quota sono in consegna i MAV cartacei che potranno essere pagati presso gli sportelli bancari o tramite internet banking abilitati.
Le quote associative sono rimaste invariate: 60,00 euro quella ordinaria; 40,00 euro per i Soci juniores (nati dopo il 1° gennaio 1980), Specializzandi e per tutte le Professioni Sanitarie. Diversi sono gli eventi congressuali regionali e nazionali in programma, oltre ai corsi a distanza (FAD), ai quali i Soci potranno accedere gratuitamente o con agevolazioni. L'anno 2016 sarà caratterizzato dal 49° Congresso Nazionale della SItI che si svolgerà a Napoli dal 16 al 19 novembre.
Resterà attiva la possibilità di rinnovare la quota online tramite bonifico bancario collegandosi alla pagina iscrizioni del sito istituzionale.